Alex Sandro non ha prezzo: Juve, vietato venderlo!

alex sandro
© foto Massimo Pinca

Il Chelsea sarebbe pronto ad un esborso economico non indifferente, ma Alex Sandro è uno dei pochi giocatori insostituibili nella Juve

Secondo alcune rumors di calciomercato, il matrimonio tra la Juventus ed Alex Sandro sarebbe giunto al termine dopo soltanto due anni. Il brasiliano, infatti, arrivò a Torino nell’estate del 2015, con la società bianconera che lo acquistò dal Porto per 26 milioni di euro, cifra ritenuta eccessivi all’epoca da diversi critici: in sole due stagioni, tuttavia, Alex Sandro è entrato nel cuore dei tifosi juventini ed ha dimostrato tutto il suo valore, diventando una pedina fondamentale nella formazione di Allegri ed uno dei migliori al mondo nel suo ruolo.

JUVE, GIUSTO BLINDARLO? – Ecco perché, quindi, una sua cessione porterebbe soltanto benefici economici: per portarlo a Londra, infatti, il Chelsea di Antonio Conte sarebbe pronto a spendere circa 60 milioni di euro, il che permetterebbe alle casse bianconere di registrare una plusvalenza non indifferente. L’altra faccia della medaglia tuttavia volta le spalle alla Juve: a parte Marcelo e David Alaba (due giocatori assolutamente inarrivabili sul mercato) non c’è nessun terzino sinistro al mondo che possa non far rimpiangere Alex Sandro, tant’è che con una sua vendita la compagine bianconera si indebolirebbe vistosamente. Il motto dice che tutti sono utili ma nessuno è indispensabile, è vero, ma nel caso del brasiliano tale regola potrebbe valere soltanto fino a un certo punto. Decisiva, come sempre in questi casi, sarà la volontà del giocatore ed in questo senso Marotta è stato chiaro: la Juve non tratterrà a forza nessun calciatore, anche perché obbligare qualcuno a restare creerebbe situazioni di scontentezza e demotivazione, caratteristiche che non appartengono di certo allo stile della Vecchia Signora. 

Condividi
Articolo precedente
bonucciBonucci in vacanza a Capri: l’omaggio dei tifosi granata
Prossimo articolo
Deulofeu pronto a restare in Italia: su di lui c’è anche la Juve?