Juve, ecco Szczesny: niente tournée con l’Arsenal per il polacco

szczesny
© foto www.imagephotoagency.it

Juve, la cessione di Neto apre le porte a Szczesny: Wenger non lo convoca per la tournée con l’Arsenal, il portiere ad un passo dai bianconeri

Questo mercato è una partita a tetris. Tutto un gioco d’incastri. A maggior ragione se si parla di un tassello delicato e singolare come quello del portiere. Ruolo del quale, nelle ultime ore, la Juventus si è preoccupata con grande attenzione. La cessione di Neto al Valencia, infatti, oltre ad irrobustire le casse societarie di ulteriori 7 milioni di euro, ha liberato uno slot importante. Al saldo del prestito del giovane Audero al Venezia di Inzaghi in Serie B e dell’intenzione di riportare “a casa” Pinsoglio per affidargli il ruolo di terzo portiere.

Lo spazio liberato dal brasiliano, allora, verrà occupato da Szczesny. Il nome dell’estremo difensore polacco non è certamente una novità in casa bianconera, dato che di lui si parla fin dai primi giorni di giugno. Ma adesso, con il ruolo di vice-Buffon ufficialmente vacante, è più semplice imprimere l’accelerata decisiva. L’accordo con l’entourage del giocatore è stato trovato da tempo sulla base di un contratto da 4 milioni a stagione per i prossimi 4 anni, mentre si lavora ancora per trovare un’intesa con l’Arsenal. I Gunners chiedono infatti 16 milioni, la Juventus non vorrebbe spingersi oltre i 7-8 milioni.

La distanza, insomma, sembra ancora esserci, ma forse non è proprio così: Wenger, infatti, non ha convocato Szczesny per la tournée estiva dei biancorossi in partenza proprio quest’oggi. Il portiere non rientra dunque nei piani del tecnico alsaziano, e d’altronde i due non si sono mai stimati come testimoniano i due prestiti consecutivi alla Roma. E allora l’operazione potrebbe essere davvero in dirittura d’arrivo, più di quanto non dica il solco che separa le due società da una felice intesa che comunque a breve arriverà…

Condividi
Articolo precedente
Rassegna Bianconera di lunedì 10 luglio 2017
Prossimo articolo
daniloDanilo, la Juve dice no: ecco perchè non convince