Darmian confessa: «Voglio solo la Juventus»

darmian
© foto www.imagephotoagency.it

La stampa inglese ha riportato un’indiscrezione secondo cui Darmian avrebbe confessato i suoi intenti a José Muorinho

Ex giocatore del Torino ed idolo della Curva Maratona ma, evidentemente, affascinato dallo strapotere della Juventus. Devono essere queste le sensazioni che stanno attraversando l’animo di Matteo Darmian che, fino a due anni fa vestiva la maglia dei cugini granata, attualmente è in forza al Manchester United ma pare si stia facendo letteralmente abbindolare dal corteggiamento riservatogli dalla società bianconera.

JUVE FA SUL SERIO – Attualmente, Darmian è in viaggio di nozze in Polinesia ma è in costante contatto con il suo procuratore, il quale a sua volta ha iniziato a trattare in maniera seria con la Juventus: i bianconeri, infatti, stanno cercando un profilo adatto a tappare il buco lasciato dal partente Dani Alves ed il terzino della Nazionale sarebbe attualmente la soluzione ideale. Non a caso, infatti, secondo The Sun, Darmian avrebbe comunicato il suo attuale tecnico José Mourinho di voler lasciare il Manchester United per approdare a Torino, sponda bianconera, decretando così sconfitte le concorrenti della Juve.

L’OFFERTA – Marotta e Paratici, di conseguenza, sono pronti a sferrare l’assalto (si spera) decisivo. Nelle casse del Manchester United, infatti, entreranno ben 22 milioni di euro, con la seguente formula: l’offerta bianconera sarebbe di 4 milioni subito per il prestito, e di altri 18 per il riscatto, cifre che si avvicinano alle richieste dello United. L’unico ostacolo nella trattativa, a questo punto, potrebbe essere proprio José Mourinho: il tecnico portoghese, infatti, ha riscoperto il terzino classe 1989 nell’ultima parte della scorsa stagione e di conseguenza vorrebbe che continuasse a vestire la maglia dei Red Devils.

Condividi
Articolo precedente
elkann agnelliUltras Juve, è polemica contro la società! – FOTO
Prossimo articolo
piazza san carlo torino giugno 2017Piazza San Carlo, risarcimenti a rischio e il Comune non prende la responsabilità