Gagliardini, altra gaffe: like alla foto di Bonucci

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo la presenza allo Juventus Stadium in occasione della gara d’andata, il centrocampista dell’Inter ci ricasca e rischia di creare un’altra polemica

A otto giorni di distanza, ci risiamo. Il centrocampista dell’Inter Roberto Gagliardini, infatti, potrebbe finire in un’altra bufera mediatica per aver messo il like alla foto pubblicata su Instagram da Leonardo Bonucci, la quale ritraeva la foto di esultanza dei bianconeri al termine della gara di ieri sera al Camp Nou.

IL PRECEDENTE – Questa del like alla foto potrebbe sembrare una polemica sterile, se solo l’ex giocatore atalantino non fosse già stato al centro delle ire dei tifosi nerazzurri la settimana scorsa, quando fu avvistato allo Juventus Stadium in compagnia di Spinazzola ad assistere in tribuna alla gara di andata tra la formazione di Allegri ed il Barcellona. I tifosi interisti, lungi dal considerare quello di Gagliardini come un atto di sportività da parte di un loro giocatore nei confronti dell’unica squadra che alza la bandiera italiana in Europa, si sono imbufaliti ed hanno quasi condannato Gagliardini di non aver neanche avvisato la società interista della sua presenza a Torino.

PEGGIO UN LIKE? – Se il fatto di assistere dal vivo ad una partita come un quarto di finale di Champions poteva risuonare come una semplice voglia soddisfatta dal centrocampista dell’Inter, questo like ad un giocatore simbolo della Juve potrebbe sfociare in un vero e proprio conflitto tra Gagliardini ed il tifo nerazzurro e poco importa che tra coloro che hanno apprezzato la foto di Bonucci ci siano altri personaggi illustri come il Papu Gomez: il centrocampista, infatti, non nutre alcun risentimento nei confronti della Juve, ma lo stesso non vale per i sostenitori dell’Inter la cui maggior parte, spiace ammetterlo, la sportività non sanno neanche cosa sia.

Condividi
Articolo precedente
Juve imbattibile: ecco la semifinale di Champions
Prossimo articolo
Sale la febbre per Atalanta-Juve: ma c’è qualche scontento