Monaco, Real o Atletico Madrid: rispetto per tutti, paura di nessuno

© foto Massimo Pinca

Domani a quest’ora la Juventus saprà chi affronterà in semifinale tra le altre tre squadre ancora in corsa in Champions League

«Non è la Juventus a sperare di affrontare una squadra piuttosto che un’altra in semifinale, sono le altre a dover sperare di evitare la Juventus». Con queste parole al termine della gara di ieri sera, Leonardo Bonucci ha suonato la carica nell’ambiente juventino ma la sua non è stata soltanto una dichiarazione di parte: dopo le tre sberle al Barcellona e la prova di una solidità esemplare sfoderata ieri sera al Camp Nou, infatti, è giusto che la squadra di Allegri rappresenti lo spauracchio principale per le altre contendenti al titolo.

REAL LA PIU’ ACCREDITATA – E’ chiaro che, numeri alla mano, il Real Madrid è la squadra che può far più paura tra le tre rimaste: oltre ad essere detentori del titolo, infatti, i Blancos hanno eliminato il Bayern Monaco ai quarti di finale e occupano anche il primo posto in classifica in Liga. Non dimentichiamoci, però, che la Juventus è la bestia nera delle Merengues da almeno 14 anni a questa parte: sia nel 2003 che nel 2015, infatti, i bianconeri hanno eliminato il Real Madrid proprio nel doppio confronto in semifinale ed è normale, quindi, che qualche tifoso bianconero speri di incontrare la formazione di Zidane per dar seguito a tali ricorrenze.

ATLETICO E MONACO PIU’ “IGNORANTI” – Meno temibili del Real sulla carta, Allegri ha comunque definito l’Atletico Madrid e il Monaco quali due avversari che bisognerebbe affrontare in maniera più ignorante: il Monaco è l’autentica mina vagante di questa Champions, mentre la formazione di Simeone è l’avversario più rognoso che possa capitare, in quanto pensa prima a non far giocare l’avversario e poi a costruire le proprie trame offensive. Insomma, domani dall’urna di Nyon ne sapremo di più: chi avrà la sfortuna di incontrare la Juve?

Condividi
Articolo precedente
Sale la febbre per Atalanta-Juve: ma c’è qualche scontento
Prossimo articolo
Con Allegri 2 semifinali in 3 anni di Champions