Szczesny al J Medical, terminate le visite mediche – FOTO e VIDEO

szcesny
© foto www.imagephotoagency.it

Sczesny alla Juve: terminate le visite mediche. Il portiere è il secondo rinforzo ufficiale dopo Douglas, una quarantina di tifosi ad attenderlo

Dopo il pranzo a casa Juve la prima giornata in bianconero di Szczesny è proseguita al J Medical per le consuete visite mediche. Una quarantina i tifosi presenti per dare il benvenuto a colui che è chiamato a raccogliere l’eredità pesante di Gigi Buffon. 10 milioni all’Arsenal per il portiere che l’anno scorso alla Roma si è consacrato come uno dei migliori della Serie A. Stesso destino domani toccherà a Mattia De Sciglio. La Juve cala quindi due colpi in due giorni. Non forse i più importanti, ma sicuramente i più utili strategicamente parlando perchè dopo gli addii di Neto e Dani Alves serviva assolutamente coprire di più la rosa.

Il portiere polacco è appena atterrato a Torino. Presto Szczesny sarà al J Medical per tutte le visite di rito – 12:04

L’estremo difensore ex Roma e Arsenal è appena arrivato all’aeroporto di Caselle. Dopo una lunga ed estenuante trattativa Wojciech Szczesny è un nuovo calciatore della Juventus. Tra poche ore il portiere polacco sarà al J Medical per sottoporsi ai test medici che ne verificheranno la condizione fisica. In seguito sarà tempo di ‘cose formali’ con la firma sul contratto.

La Juventus preleva uno dei migliori portieri reperibili sul mercato, assicurando a Buffon una grande spalla e, allo stesso tempo, un degno erede. Szczesny per media voto, lo scorso anno, è stato il migliore portiere della Serie A: definirlo un secondo di lusso è a dir poco riduttivo. «Ciao a tutti i tifosi della Juve e forza Juve… Ciao ragazzi!» queste le sue prime parole da juventino.

Appena arrivato a Torino, Wojciech Szczęsny ha un messaggio per voi! ⚫⚪👍

Pubblicato da Juventus su Martedì 18 luglio 2017

Condividi
Articolo precedente
schickJankto: «Sapevo del problema al cuore di Schick»
Prossimo articolo
Scambio Romagna-Del Fabro, accordo col Cagliari: ecco le cifre